QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI "COOKIE": VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Venerdì al via la 27esima Festa del Contadino


Venerdì al via la 27esima Festa del Contadino
A Sasso Morelli due giorni di eventi organizzati dalla cooperativa Clai in collaborazione con Cavim
Si aprirà questo venerdì 8 settembre la storica Festa del Contadino promossa dalla cooperativa Clai. Un evento, quello che si tiene a Sasso Morelli ormai da 27 anni, in grado di attirare nel borgo imolese migliaia di persone grazie ad un'offerta culturale, gastronomica e ricreativa molto legata alla tradizione: “E' una festa con una lunga storia alle spalle che nasce dalla collaborazione tra le cooperative Clai e Cavim - sottolinea Giovanni Bettini, presidente Clai -. Negli anni la manifestazione ha consolidato la propria identità e, ad oggi, prevede diversi appuntamenti piuttosto attesi come il concerto del sabato, organizzato  in collaborazione con Emilia Romagna Festival, la mostra ‘Convivio' dedicata alla devozione popolare e la seconda edizione del premio ‘100% Italiano' che quest'anno ha ottenuto l'importante patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali”. 
 
Una festa per tutti
Una delle caratteristiche della Festa del Contadino è anche quella di svolgersi in diverse zone del piccolo borgo. Oltre alla piazza centrale dove, nella giornata di domenica, vengono promossi gli eventi più popolari (una festa dedicata alla cucina con scuole, degustazioni di salumi Clai e di tanti prodotti provenienti anche da territori limitrofi e l'attesissima 32esima edizione del Palio dei Pigiatori Cavim) c'è ampio spazio per conoscere altri angoli di Sasso Morelli e, in particolare, la suggestiva Villa La Babina aperta al pubblico, come sempre, per l'evento musicale del sabato sera. Il concerto di questa edizione è un “Omaggio a Luciano Pavarotti nei 10 anni dalla scomparsa” e prevede la partecipazione del soprano Chiara Isotton, del tenore Matteo Desole, del baritono Paolo Ingrasciotta e della pianista Francesca Pivetta.
 
Riconoscimento all'"italianità"
Prima del concerto è prevista l'assegnazione del premio “100% Italiano”, riconoscimento riservato ad una personalità o ad un'impresa che si è distinta nel promuovere il lavoro e la cultura Italiana nel mondo: “Quest'anno il premio ‘100% Italiano' abbiamo deciso di assegnarlo alla cooperativa agricola Gino Girolomoni - sottolinea Bettini -. Si tratta di una struttura di Isola del Piano (PU) che, sin dal 1977, opera per lo sviluppo del biologico in Italia e che si è contraddistinta negli anni per aver contribuito in modo sostanziale alla tenuta dell'agricoltura sul territorio e per l'impegno a favore dell'ambiente e delle tradizioni”.
Il core business della cooperativa Gino Girolomoni è rappresentato dalla produzione di pasta biologica 100% italiana, ma tra i prodotti a marchio vi sono anche riso, cereali, legumi, farine, olio extravergine di oliva e conserve. Una delle caratteristiche più importanti dell'azienda, nella quale risiedono anche le motivazioni del premio targato Clai, è il forte legame con la terra e l'impegno portato avanti con costanza per preservare le tradizioni locali e l'ambiente in cui opera. Uno dei motti della cooperativa, non a caso, è una frase dello stesso Gino Girolomoni, scomparso nel 2012: “Mangiare non è soltanto trasformare e cuocere il cibo: è dono, spiritualità, amicizia, fraternità, bellezza, calore, colore, sapienza, profumo, semplicità, compagnia”.
 

Indietro   Stampa